Passaggio diretto da un’azienda all’altra senza interruzione dell’attività lavorativa

Passaggio diretto da un'azienda all'altra senza interruzione dell'attività lavorativa

Rispondiamo ai questi che ci inviate via email, cercando di essere più esaustivi possibili. Ricordiamo che è bene farsi seguire sempre da un Consulente del Lavoro o da un Avvocato con esperienza per essere tutelati a dovere.

Oggi parliamo di un argomento spinoso: cosa succede se l’azienda dove sei assunto cambia ragione sociale? L’attività lavorativa viene interrotta o non cambia nulla? Cosa succede alle ferie non retribuite, al TFR e a tutti Benefit concordati nel contratto a tempo indeterminato?

Rispondiamo subito a questi quesiti dicendo che questo genere di cose possono essere frequenti, specialmente in PMI o aziende medio grandi nel settore del Marketing, specie durante una fusione o acquisizione. In ogni caso, la legge italiana tutela i lavoratori e garantisce la continuazione regolare del rapporto di lavoro, garantendo il medesimo livello, salario e inquadramento all’interno della nuova società.

In pratica, il cambio di ragione sociale non può nuocere ai dipendenti stessi nè può essere fatto per evitare di pagare arretrati o contributi, anche in caso di cessione di ramo di azienda o di cambio di proprietà.

Se desiderate potete approfondire l’argomento leggendo i seguenti articoli:

Articolo successivoPublicis Lavora con noi: le Offerte di lavoro