HomeNews LavoroQuanto Guadagna un Veterinario

Quanto Guadagna un Veterinario

Quanto-Guadagna-un-Veterinario

Riceviamo molte email di giovani studenti che vorrebbero sapere quanto guadagna un veterinario, abbiamo perciò deciso di fare un breve articolo che spiegasse nel dettaglio a che tipo di stipendio (o guadagno se si è liberi professionisti) si può ispirare facendo questo lavoro a contatto con gli animali.

Come si diventa Veterinario

Quella del Veterinario è una professione sempre più amata e sempre più richiesta: non stupisce che molti ragazzi e ragazze si iscrivano al Corso di Laurea in Veterinaria. Una volta laureati e con le dovute specializzazioni, il veterinario è una professione che può dare delle grandi soddisfazioni dal punto di vista economico: si può aprire un proprio studio provato oppure lavorare come veterinario in uno studio associato più grande.

La professione di Veterinario è molto ambita e gratificante, ma molti si chiedono quanto guadagna un Veterinario e se ne vale la pena. Diciamo subito che è una professione dove il alvoro non manca, e facilmente – attraverso un concorso pubblico – si può anche riuscire ad entrare nella PA, altrimenti si può svolgere la libera professione.

Qual è lo stipendio di un Veterinario?

Il guadagno di un Veterinario dipende da molti fattori, come ad esempio la specializzazione, l’esperienza, la posizione geografica e se il Veterinario lavora come dipendente o in proprio con la partita iva. In media, un Veterinario in Italia guadagna intorno ai 35.000-40.000 euro all’anno, ma questa cifra può aumentare o diminuire a seconda dei fattori menzionati. Ad esempio, un Veterinario con molti anni di esperienza e con una propria attività può guadagnare fino a 60.000-70.000 euro all’anno. Stiamo aprlando di cifre nette, quindi di uno stipendio che facilmente supera i 2.000-2.500€ al mese (per un calcolo corretto dello stipendio netto vai qui).

La Carriera di un Veterinario

Per diventare Veterinario, è necessario seguire un percorso di studi di 5 anni presso una facoltà di Medicina Veterinaria. Al termine della laurea, il Veterinario può scegliere di specializzarsi in una determinata area, come ad esempio la chirurgia, la medicina interna o la radiologia, per aumentare il proprio guadagno e migliorare le proprie competenze.

Il Veterinario può lavorare in un ambulatorio o in un ospedale veterinario, oppure può aprire la propria attività come libero professionista. In questo caso, il guadagno dipende dalla quantità di clienti e dalla fatturazione dell’attività.

Corsi di Laurea per Veterinari

La laurea in Medicina Veterinaria è un percorso di studi molto impegnativo che richiede molta dedizione e impegno. Durante gli studi, il futuro Veterinario apprenderà molte nozioni teoriche e pratiche sulla anatomia, la fisiologia, la patologia e la terapia degli animali. Inoltre, il futuro Veterinario effettuerà numerose pratiche presso ambulatori e ospedali veterinari per acquisire esperienza pratica.

Le Facoltà di Veterinaria in Italia sono presenti nelel Università di Milano, Torino, Napoli Federico II, Bologna, Pisa, Perugia, Padova, Parma, Bari, Messina, Teramo e Sassari.

Approfondimenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA. Notizia Verificata e aggiornata con regolarità. I Contenuti di questo articolo sono stati selezionati con cura e revisionati dalla Redazione prima di essere pubblicati. Gli approfondimenti segnalati nell'articolo provengono da fonti aperte autorevoli private o istituzionali, come i siti e le news pubblicate online da Enti di Formazione, Aziende, Ministeri, Agenzia delle Entrate, Gazzetta Ufficiale, Inps o Enti locali.

gruppo-facebook-concorsi
canale-telegram-lavoro
offerte-di-lavoro
concorsi-pubblici-non-scaduti
news-lavoro

NEWS LAVORO