Curriculum Vitae Europeo Esempio Compilato Doc

Curriculum-Vitae-Europeo-Esempio-Compilato-Doc

Il curriculum vitae è il nostro biglietto da visita, anche in un era digitale come la nostra è ciò che ci permette di presentarci a un’azienda ancor prima che ci si presenti di persona, per cui è necessario redarlo nel migliore dei modi per poter sottolineare i nostri punti di forza e il nostro percorso professionale. Se cerchi velocemente un esempio di cv europeo compilato in doc clicca qui e scaricalo, altrimenti continua ad approfondire leggendo questa Guida.

Come compilare un curriculum vitae europeo?

Stai pensando di inviare la candidatura per il lavoro dei tuoi sogni o per un lavoretto part-time durante l’università?

In entrambi i casi assicurati di focalizzarti sulle esperienze e sulle tue caratteristiche che corrispondono a ciò di cui ha bisogno l’azienda per cui ti stai candidando. 

I recruiter e i responsabili delle Risorse Umane cestinano i curriculum troppo lunghi, quindi le informazioni devono stare in una pagina o al massimo in due. Il format del curriculum vitae europeo garantisce di essere sintetici perché suddivide le varie informazioni in categorie da classificare in base alle nostre conoscenze e competenze. 

Per prima cosa dovrai inserire le tue informazioni personali:

  • Indirizzo 

È preferibile inserire le informazioni della tua dimora abituale, quindi del tuo domicilio nel caso in cui la tua residenza abbia una collocazione geografica differente. 

Leggi attentamente l’annuncio: la maggior parte delle volte viene richiesto espressamente il domicilio nella stessa città in cui si trova l’azienda o nelle zone limitrofe. 

  • Recapiti telefonici, indirizzo di posta elettronica, link di eventuali siti web di proprietà e/o profili Linkedin, Skype, Facebook. 
  • Data di nascita, sesso e nazionalità

Dovrai scrivere delle tue esperienze lavorative precedenti, inserisci ordinatamente:

  • Nome dell’azienda/ del datore di lavoro per cui hai lavorato
  • La durata (da – a) avendo cura di scrivere il mese e l’anno se si tratta di una breve esperienza di mesi oppure semplicemente gli anni di riferimento
  • Spiega brevemente quali mansioni svolgevi per conto della suddetta azienda. Descrivi cosa effettivamente facevi, quindi in maniera concreta, facendo degli esempi sempre in maniera concisa e utilizzando un linguaggio il più professionale possibile.

Quali sono i tuoi studi, la tua formazione?

Inserisci i titoli di studio:

  • Presso quale istituto li hai conseguiti (istituto superiore, ente di formazione, ateneo universitario etc)
  • Data del conseguimento (va bene utilizzare il formato mese/anno)
  • Quali sono le discipline che ti hanno formato maggiormente tenendo conto dell’annuncio a cui stai inviando la candidatura? Parlane in materia concisa e ordinata, cita le materie ad esempio “economia aziendale, contabilità, informatica, programmazione” e spiega le competenze che hai acquisito grazie al loro studio. 

Sia per le esperienze lavorative che per la formazione scolastica:

  • Inseriscile in ordine cronologico dalla più recente a quella più datata
  • Non è necessario inserire tutti i tipi di esperienze lavorative pregresse e tutti i titoli di studio se alcuni di essi non rientrano tra quelli richiesti dalla posizione per cui ci si candida. 

Questo perché vogliamo che chi legge il nostro curriculum ci identifichi immediatamente con le caratteristiche richieste dall’offerta di lavoro.

Una foto di noi stessi al lato sinistro del curriculum ci presenterà anche dal punto di vista visivo e porterà il recruiter che lo ha tra le mani ad identificarci nella sua mente con un’immagine precisa. 

L’immagine dev’essere sobria, non inserite una foto delle vacanze o in abiti poco consoni all’ambiente lavorativo. Può essere utilizzata anche una semplice fototessera.

Competenze 

Le competenze che richiede di inserire il formato europeo del curriculum riguardano:

  • Le competenze linguistiche

Qual è la tua lingua madre?

Livello di conoscenza della lingua inglese e/o altre lingue straniere dal punto di vista della comprensione (ascolto e lettura), del parlato e della produzione scritta.

Il livello di conoscenza di una lingua viene valutato tramite un test presso un centro linguistico o un ente di formazione che la maggior parte delle volte rilascia una certificazione che è utile per poter attestare le proprie competenze e che spesso viene richiesta in fase di selezione. 

In generale siate onesti sul livello linguistico perché in sede di colloquio dovrete dimostrare le vostre competenze se è richiesta esplicitamente la sua conoscenza da parte dell’azienda.

  • Competenze comunicative e interpersonali 

Le competenze relazionali e le capacità comunicative sono necessarie soprattutto per le mansioni che richiedono il contatto con il pubblico, con i clienti, con la gestione del personale, ad esempio nei ruoli di team leading.

Le competenze trascritte devono avere sempre un riferimento pratico alle esperienze lavorative o a particolari progetti che hanno visto la nostra partecipazione attiva.

  • Competenze organizzative e di gestione di eventi/persone 
  • Competenze tecnico professionali
  • Competenze informatiche e digitali

Queste competenze riguardano il livello di utilizzo e di conoscenza del pacchetto Office, di particolari sistemi gestionali, CRM, Outlook e la posta elettronica. Oggi rientrano in questo settore anche le competenze digitali legate alla conoscenza dei social network, della creazione di contenuti per il web, il linguaggio di programmazione per i siti web etc.

  • Altre competenze che avete acquisito e che non fanno parte delle categorie precedenti 
  • Patente di guida 

Se vi state candidando per una posizione che riguarda l’utilizzo di una patente in particolare, in questa sezione inserite tutte quelle che possedete e che sono utili al lavoro.

Errori da evitare nel CV

  • Non inserite competenze che non possedete. 
  • Non includete esperienze o studi non in linea con la posizione o che non sono veritieri.

Non dovete trascrivere tutte le vostre esperienze, solo quelle in linea con la posizione.

  • Inserite sempre i vostri contatti 

Qualora fossero cambiati ricordate di modificarli, sono fondamentali per poter essere ricontattati dal team delle risorse umane.

Consigli utili 

  • Includi esperienze all’estero come Erasmus o tirocini.
  • Specifica se fai parte di un ordine professionale. 
  • Se l’azienda per cui hai lavorato in precedenza è poco conosciuta descrivi di cosa si occupa e il settore di appartenenza.
  • Evita di superare le due pagine di cv, ricorda che è sempre meglio essere concisi che scrivere eccessivamente.
  • Utilizza un’immagine che trasmetta l’idea di professionalità, quando non ci si conosce l’abito fa il monaco.
  • Quando inoltri la mail ricorda di scrivere sempre sull’oggetto la posizione per cui ti candidi.
  • Insieme al curriculum ricorda di inoltrare una breve lettera di presentazione in cui esponi il perché della tua candidatura e in che modo il tuo profilo è in linea con la posizione per cui ti stai candidando.  

Altre Guide sul Curriculum