Domande Colloquio di Lavoro: come rispondere?

domande-colloquio-di-lavoro

Il Colloquio di lavoro non è una semplice chiacchierata informale, ma la persona che ti farà l’intervista e che lavora nel settore delle risorse umane dell’Azienda, seguirà uno schema ben preciso nel porti le domande in modo da riuscire a sviluppare un profilo psicologico della tua persona che unirà al tuo curriculum vitae e che consentirà di capire se sei il candidato giusto da assumere per quella posizione.

Le domande più comuni durante il Colloquio

Per aiutarti a preparare al meglio al tuo prossimo colloquio di lavoro, e riuscire a superarlo facendoti assumere, abbiamo deciso di elencare le principali domande che vengono generalmente poste ai candidati durante la job interview, con relative spiegazioni e suggerimenti e che funzionano per la maggior parte dei lavori.

Si tratta di psicologia e di riuscire in brevissimo tempo ad ottenere con la persona che abbiamo davanti un feeling, un trait d’union, una simpatia. I recruiter non gettano mai i cv dei candidati, e anche a distanza di uno o due anni potrebbero richiamarti ed offrirti magari un lavoro o una consulenza in un’altra azienda dove potrebbero essere al momento.

Durante il Colloquio di lavoro può essere presente una sola persona, due persone o anche un gruppo di persone, ad esempio 5 o 6 se si tratta di una posizione importante. Se stai rispondendo ad un annuncio come Manager probabilmente sarà presente anche l’Amministratore Delegato o il CEO dell’Azienda. Guarda le persone negli occhi quando ti parlano e quando parli tu cerca di tenere lo sguardo verso chi ti ha posto la domanda.

Quali sono i tuoi punti di forza?

Il consenso è di puntare alla qualità, non alla quantità. I candidati dovrebbero fornire un breve elenco di punti di forza e sostenere ciascuno di essi con esempi che illustrino i punti di forza.

Inoltre, dovrebbero spiegare come questi punti di forza saranno utili nel lavoro per cui si stanno candidando e usare questa domanda per dire qualcosa di interessante su se stessi. Sebbene questa sia una delle domande più comuni per l’intervista, è anche una delle migliori domande da porre all’inizio del processo di intervista.

Risposte da evitare: Il candidato non è preparato alla domanda o fornisce solo risposte generiche.

Questa è la domanda più comune per un colloquio di lavoro: tutti dovrebbero aspettarselo. Se non sembrano preparati o non danno una risposta abbastanza esauriente, probabilmente è un brutto segno.

Quali sono i tuoi punti deboli?

Nella maggior parte dei colloqui di lavoro, ai candidati verrà chiesto di descrivere i propri punti di forza e di debolezza. In preparazione per un colloquio, i candidati dovrebbero considerare il modo migliore per rispondere a questa domanda in modo che le informazioni siano utili ai datori di lavoro senza danneggiare le possibilità di essere assunti.

I candidati dovrebbero parlare di una vera debolezza su cui hanno lavorato per migliorare. Ad esempio, non sono bravi a parlare in pubblico, ma hanno seguito un corso per aiutarli a migliorare.

O forse sentono di essere facilmente distratti quando lavorano online ma hanno installato un software che li aiuta a rimanere concentrati. Risposte come queste mostrano un desiderio di miglioramento, autoconsapevolezza e disciplina.

Risposte da evitare: ancora una volta, tutti dovrebbero aspettarselo, quindi è un brutto segno se qualcuno sembra totalmente impreparato, o dà una risposta generica come “Sono un perfezionista”.

Inoltre, ovviamente, i candidati abbastanza sfacciati da spifferare un tratto di personalità veramente negativo dovrebbero andare nel mucchio della bandiera rossa.

Quali erano le tue responsabilità quando lavoravi in ​​azienda?

Un buon candidato è in grado di parlare in dettaglio delle proprie responsabilità. Questi dovrebbero corrispondere a quanto previsto per il lavoro e persino superarlo. Le responsabilità dovrebbero anche corrispondere a ciò di cui avranno bisogno per svolgere il lavoro per cui si stanno candidando.

Risposte da evitare: candidati che sono vaghi su quali fossero le loro responsabilità, che non avevano le responsabilità che normalmente derivano dal lavoro o non ne avevano di rilevanti per il lavoro per cui si stanno candidando.

Perché vuoi lavorare qui?

Cerca una risposta che dimostri che hanno svolto ricerche sull’azienda e sono davvero entusiasti delle cose specifiche che possono fare sul posto di lavoro. Questo non solo mostra entusiasmo per il lavoro e le capacità di preparazione di base, ma ti dà indizi sull’adattamento culturale.

Risposte da evitare: il candidato non ha una buona ragione o fornisce una risposta generica, come “Penso che rappresenti una grande opportunità”.

Quante persone c’erano nel team durante il tuo ultimo lavoro?

Questa è una buona domanda di intervista per lo screening delle persone con posizioni dirigenziali sui loro curriculum. Il numero di persone nella loro squadra dovrebbe corrispondere a quello che ti aspetteresti per la posizione.

Risposte da evitare: se si trovava in una posizione dirigenziale e non controllava il numero di persone che ti aspetteresti, questa potrebbe essere una bandiera rossa e potrebbe indicare un titolo gonfiato. Ad esempio, un vicepresidente delle vendite che non ha supervisionato nessun venditore potrebbe essere un brutto segno.

Dove ti vedi tra cinque anni?

I candidati devono dimostrare di aver riflettuto su questa domanda, di avere dei piani e che tali piani sono in linea con il lavoro e il percorso di carriera possibile in azienda. Vuoi vedere che questo candidato è un buon investimento a lungo termine.

Le domande generali dell’intervista come questa sono ancora preziose e dovrebbero sempre essere incluse nel foglio dell’intervista.

Risposte da evitare: una risposta generica o non ispirata. Inoltre, risposte che mostrano che questa carriera/azienda è solo una fermata temporanea per loro.

Cosa pensa di te il tuo precedente manager o supervisore?

Una buona risposta va in profondità e riflette positivamente sia sul loro manager che sul lavoro che hanno svolto, e si allinea con altre informazioni che sei stato in grado di raccogliere. Questa è una delle prime 10 domande del colloquio che consigliamo a tutti i responsabili delle assunzioni. I candidati spesso riveleranno qui informazioni che non rivelerebbero se chiedessi loro “Di cosa hai bisogno per migliorare?”

Risposte da evitare: candidati che parlano male del loro precedente manager, forniscono risposte vaghe o sembrano impreparati a questa domanda comune.

Perché vuoi lasciare la tua attuale azienda?

Questo è nelle prime dieci domande del colloquio della maggior parte dei responsabili delle assunzioni ed è anche una delle domande standard del colloquio in qualsiasi solido processo di colloquio.

Il candidato dovrebbe concentrarsi sugli aspetti positivi del motivo per cui il lavoro per cui si sta candidando offre migliori opportunità di apprendimento o di carriera, possibilità di avanzamento, si allinea più strettamente con i suoi obiettivi a lungo termine o è più adatto a lui.

Risposte da evitare: lamentarsi o incolpare il loro precedente lavoro, capo o colleghi. Inoltre, senza una buona ragione.

Quale era il tuo stipendio iniziale e finale?

Questa è una domanda di intervista principale per controllare le credenziali. La paga dovrebbe corrispondere al loro livello di anzianità. Dovresti anche vedere che è aumentato almeno di quello che ti aspetteresti durante il loro tempo in azienda.

Risposte da evitare: lo stipendio non è aumentato al tasso normale per molto tempo. Lo stipendio non corrisponde alla posizione: ad esempio, avevano un titolo di lavoro di livello senior ma ricevevano uno stipendio di livello base.

Cosa puoi offrirci che qualcun altro non può?

Un candidato solido può indicare competenze, abilità o conoscenze specifiche che si applicano direttamente al lavoro che è improbabile che altri candidati abbiano o che scarseggiano.

Risposte da evitare: andare in negativo: se il candidato inizia a parlare male degli altri candidati, è un segno sicuro di un cattivo atteggiamento. Inoltre, se non sono in grado di fornire una risposta solida, potrebbe dimostrare che mancano di una conoscenza approfondita delle competenze richieste dal lavoro e di una comprensione di dove si inseriscono.

Anche essere impreparati a domande di colloquio di base come questa è un brutto segno.

Quali sono stati il ​​tuo primo e ultimo ruolo in azienda ?

Questa è una delle tipiche domande del colloquio utilizzate per scoprire quanto un ex datore di lavoro apprezzasse davvero il candidato.

Idealmente, il candidato è salito di rango all’interno dell’azienda al ritmo previsto, oppure ha una spiegazione soddisfacente del motivo per cui il suo titolo non è cambiato come previsto.

Risposte da evitare: simile alla domanda iniziale e finale sullo stipendio: se non sono stati in grado di salire di grado al ritmo che ti aspetteresti, potrebbe essere una bandiera rossa.

Cosa sai della nostra azienda?

Cerca una risposta che dimostri che hanno davvero fatto i compiti e sanno cosa fa l’azienda, e sono a conoscenza di tutti gli eventi attuali importanti che coinvolgono l’azienda e la cultura del lavoro.

Risposte da evitare: non sanno molto dell’azienda. Se un candidato è serio ed entusiasta, dovrebbe aver svolto alcune ricerche di base.

Qual è lo stipendio che vorresti?

Questa è una delle migliori domande di colloquio di lavoro per lo screening. Cerca un numero o un intervallo che rientri nel tasso di mercato e corrisponda al livello di padronanza delle competenze richieste per svolgere il lavoro. Tieni presente che in alcune città e stati è illegale porre questa domanda.

Risposte da evitare: un candidato che non è in grado di rispondere alla domanda o fornisce una risposta molto al di sopra del tasso di mercato. Ciò dimostra che non hanno effettuato ricerche sul tasso di mercato o hanno aspettative irragionevoli.

È utile usarlo per lo screening all’inizio. Se sei distante sullo stipendio, è un divario difficile da superare.

Parlami di te.

Cerca una risposta che dia all’intervistatore un assaggio della personalità del candidato, senza allontanarsi dal fornire informazioni relative al lavoro. Le risposte dovrebbero essere positive e non generiche.

Risposte da evitare: un candidato che divaga senza riguardo per le informazioni che effettivamente aiuteranno l’intervistatore a prendere una decisione o un candidato che fornisce informazioni che dimostrano che non è idoneo per il lavoro.

Qual è il tuo più grande successo al di fuori del lavoro?

Questa domanda rivela molto sulla personalità e sulla spinta del candidato. Cerca candidati che hanno raggiunto qualcosa che richiede molto tempo, duro lavoro e sacrificio. Questo tipo di etica del lavoro sarà vantaggioso per i progetti a lungo termine.

Risposte da evitare: il candidato non è in grado di descrivere alcun risultato degno di nota al di fuori della propria carriera professionale.

Quando hai lasciato precedente azienda?

Questa è un’altra delle domande principali dell’intervista per il controllo delle credenziali. Verifica che la risposta del candidato corrisponda a ciò che dice il suo curriculum, senza grandi lacune occupazionali inspiegabili.

Risposte da evitare: c’è una discrepanza tra le date che danno e le date sul loro curriculum, o i loro ruoli sono durati per tempi molto brevi.

Qual è il problema più difficile che hai dovuto risolvere?

Cerca risposte che indichino un problema reale, parla di misure specifiche adottate per risolverlo e di eventuali processi sviluppati per garantire che venga risolto più rapidamente la volta successiva o che non si ripresenti.

Risposte da evitare: il candidato non è in grado di nominare un problema o nomina qualcosa che è una parte normale del lavoro e avrebbe dovuto essere semplice da risolvere.

Cosa faresti se ti venisse assegnato di lavorare con un cliente difficile?

Una buona risposta dovrebbe parlare di una strategia specifica per gestire un cliente difficile senza diventare negativo.

Risposte da evitare: nessuna strategia per trattare con clienti difficili o la domanda fa scattare discorsi negativi sui clienti passati.

Raccontami di una volta in cui hai dovuto riferire cattive notizie a un cliente o un collega.

Una buona risposta include la strategia sviluppata per fornire le cattive notizie e mostra che il candidato può valutare i risultati e ha idee per miglioramenti in futuro.

Risposte da evitare: il candidato non ha una risposta o non ha una strategia ragionevole per fornire la cattiva notizia.

Per quanti altri lavori ti stai candidando?

Questa è una delle domande standard dell’intervista utilizzate nelle interviste di lavoro sullo stress. Il candidato dovrebbe essere in grado di rimanere calmo, non irritarsi per il fatto di essere messo in difficoltà e rispondere alla domanda onestamente.

Risposte da evitare: essere eccessivamente agitati da questa domanda è probabilmente un brutto segno.

Cosa vorresti ottenere nel tuo primo mese di lavoro?

Se un candidato ha studiato l’azienda e la posizione, avrà un’idea di cosa ci si aspetta da loro e cosa mirano a raggiungere quando arrivano. I migliori candidati fisseranno obiettivi realistici che andranno a beneficio dell’azienda e mostreranno le loro capacità.

Risposte da evitare: il candidato non ha una risposta o dice che ne saprà di più una volta che avrà seguito l’orientamento.

Hai qualche domanda per me?

Questa è una delle domande più comuni nelle interviste e anche una delle più rivelatrici. Se il candidato si è preparato per il colloquio, dovrebbe avere una serie di domande da porre, comprese domande sulla cultura aziendale, lo stile di gestione, le aspettative dell’azienda, i principali progetti e le fasi successive del processo di assunzione.

Risposte da evitare: il candidato non ha domande da porre o l’unica domanda è relativa allo stipendio.

Quale sarebbe il tuo ambiente di lavoro ideale?

Questa domanda rivela l’onestà e se il candidato sarebbe adatto alla tua azienda. Se il candidato descrive un ambiente di lavoro completamente diverso dal tuo ambiente di lavoro, chiedigli come intende adattarsi a un diverso tipo di ambiente di lavoro.

Risposte da evitare: Il candidato fornisce una risposta generica o descrive un tipo di ambiente di lavoro completamente diverso dal proprio.

Cosa sai di questo settore?

Questa è una domanda popolare per i candidati che si candidano per posizioni junior o per coloro che stanno cambiando carriera. I migliori candidati avranno una buona idea di cosa tratta il settore, dei problemi più comuni che devono affrontare le aziende e del tipo di ambiente di lavoro in cui si troveranno.

Risposte da evitare: il candidato non sa molto del settore o di come funziona l’azienda.

Qual è la tua strategia per lavorare con le persone che ti infastidiscono?

Questa domanda rivela molto sul carattere del candidato e su come mantiene le relazioni professionali. Non tutti in ufficio andranno d’accordo. I candidati forti utilizzano misure proattive per creare un ambiente d’ufficio positivo pur rimanendo assertivi.

Risposte da evitare: il candidato non si è mai trovato in una situazione del genere o utilizza tecniche inadeguate per affrontare i colleghi fastidiosi.

Quali tecniche usi per gestire lo stress?

Lo stress può influenzare la produttività di un dipendente e influire sulla sua salute. Evitare lo stress non è sempre un’opzione in un ambiente di lavoro frenetico, quindi è importante che i candidati abbiano un modo sicuro e affidabile per gestirlo.

Risposte da evitare: il candidato afferma di non essere stressato o di non avere alcuna tecnica per mitigare gli effetti dello stress.

Quali sono le tre cose positive che il tuo ex capo dirà di te?

Questo è un altro modo per chiedere “quali sono i tuoi punti di forza?” Tranne, in questo caso, il candidato può nominare tutto ciò che ritiene possa essere vantaggioso per l’azienda, comprese le competenze trasversali, le abilità difficili, i tratti della personalità o l’esperienza lavorativa.

Risposte da evitare: il candidato non pensa che il suo ex capo direbbe nulla di carino su di loro, o il candidato nomina semplicemente le competenze elencate nella descrizione del lavoro.

Il tuo ex capo avrebbe qualcosa di negativo da dire su di te?

Questa domanda rivela onestà ed è simile a “quali sono i tuoi punti deboli?” Al candidato viene data l’opportunità di fornire un contesto alla risposta e dare una ragione per cui questo non sarebbe un problema in futuro.

Risposte da evitare: il candidato afferma di non avere difetti.

Qual è stato l’ultimo libro che hai letto?

Questa è un’ottima domanda per un colloquio sulla personalità che ti aiuterà a capire il carattere e gli interessi del candidato. Ti farà anche sapere se il candidato impiega del tempo per migliorare le proprie conoscenze leggendo contenuti relativi al settore.

Risposte da evitare: Il candidato non legge o non riesce a ricordare l’ultimo libro che ha letto.

Racconta una volta in cui sei andato ben oltre ciò che ci si aspettava da te al lavoro?

Questa domanda invita i candidati a raccontare una storia sulla loro precedente posizione e sul ruolo che hanno svolto. Ogni candidato dovrebbe essere in grado di fornire un resoconto di come ha svolto compiti aggiuntivi che non ci si aspettava da lui. A seconda della loro risposta, puoi valutare fino a che punto saranno disposti a spingersi per ottenere risultati.

Risposte da evitare: il candidato non riesce a pensare a nulla o la sua risposta non è interessante.

Quanto tempo pensi ci vorrà per dare un contributo significativo a questa azienda?

Questa è una domanda difficile a cui rispondere e dovrebbe essere posta verso la fine del processo di intervista. Se il candidato ha studiato l’azienda e la posizione, dovrebbe avere una buona idea di cosa può portare in tavola con la sua esperienza e capacità. Sulla base di questo, dovrebbero essere in grado di darti una risposta ben ponderata usando la logica deduttiva.

Risposte da evitare: il candidato suggerisce un lasso di tempo troppo lungo o breve o non lo sa.

Cosa ti mancherà di più del tuo lavoro attuale/precedente?

Questa è una domanda sulla personalità sotto mentite spoglie. Anche in un ambiente di lavoro difficile, i migliori dipendenti svilupperanno relazioni o tecniche per affrontare lo stress. I candidati dovrebbero essere in grado di fornire una risposta che ti darà un’idea dei loro meccanismi di coping.

Risposte da evitare: il candidato odiava il suo precedente lavoro o non ha una risposta.

Qual è la decisione più difficile che hai preso negli ultimi tre anni?

Questa domanda è particolarmente utile per i candidati che si candidano per posizioni dirigenziali, di marketing o di vendita in cui vengono prese decisioni importanti su base giornaliera. La loro risposta ti darà un’idea dell’esperienza di vita e delle capacità decisionali del candidato.

Risposte da evitare: il candidato non riesce a pensare a una risposta.

Con quali tipi di personalità lavori bene? Perché?

Questa domanda non è progettata per la corrispondenza dell’ufficio. Piuttosto, fornisce informazioni sulla consapevolezza del candidato dei tratti della personalità. Se un candidato conosce la propria personalità e il tipo di persone con cui gli piace lavorare, può contribuire a creare un ambiente di lavoro stabile.

Risposte da evitare: il candidato non lo sa.

Come organizzi e pianifichi il tuo carico di lavoro per la giornata?

Questa è una semplice domanda progettata per rivelare le capacità organizzative del candidato. Cerca candidati che dispongano di un sistema che consenta loro di completare tutte le attività quotidiane senza essere distratti da e-mail o chiacchiere in ufficio. Ti darà anche un’idea di come danno la priorità alle attività.

Risposte da evitare: Il candidato non è in grado di fornire una risposta, oppure non ha mai utilizzato un sistema per organizzare il proprio lavoro.

Quali pensi siano i tratti di un buon leader?

Questa domanda è simile a “qual è il tuo stile di gestione preferito?” La risposta del candidato ti darà un’idea di come vede l’autorità e del tipo di manager a cui risponderà. La domanda è utile anche per i candidati che si candidano per una posizione manageriale. In questo caso, la loro risposta ti fornirà informazioni sul loro stile di gestione.

Risposte da evitare: il candidato non sa o propone suggerimenti che sono in conflitto con la tua idea di leadership.

Qual è stato il periodo più difficile della tua vita e come l’hai affrontato?

Tutti hanno attraversato difficoltà ad un certo punto della loro vita. Questa domanda fornisce informazioni sulla personalità del candidato, sull’esperienza con lo stress e sui meccanismi di coping. Non ci sono risposte sbagliate, ma la domanda invita il candidato a raccontare una storia e rivelare come ha superato le avversità.

Risposte da evitare: il candidato non può rispondere alla domanda o fornisce una risposta a frase singola.

Come ti comporteresti lavorando con qualcuno che è più giovane o meno esperto di te?

Può essere difficile per alcuni candidati lavorare sotto un manager più giovane o meno esperto di loro. Nell’ambiente aziendale di oggi, questa è una possibilità molto reale e i candidati dovrebbero essere in grado di rispettare e lavorare sodo per i loro manager, indipendentemente da chi siano.

Risposte da evitare: il candidato non lo sa.

Conclusioni

Ecco terminate le domande che vengono chieste al colloquio di lavoro. Se le studierai e ti preparerai a dovere farai una bella figura e riuscirai a rimanere impresso al recruiter. Ricorda che anche il modo di porsi, il sorriso, il modo in cui ti vesti possono condizionare quello che il selezionatore penderà di te: in fond non ti conosce e ha solo pochi minuti per cercare di capire chi sei.

Articolo precedenteGuida Cv: Come Compilare il Curriculum Vitae
Articolo successivoUPS Lavora con Noi: Opportunità di Lavoro