HomeRisorseLettera di Dimissioni: Esempi e Modelli

Lettera di Dimissioni: Esempi e Modelli

lettera-di-dimissioni

Negli ultimi due anni sono aumentate le lettere di dimissioni in Italia1 (oltre che i licenziamenti): riuscire a capire questo fenomeno non è facile, potrebbe essere ricondotto sia al prepensionamento che ad un fenomeno legato allo stress lavorativo e al mobbing.

Lettera di Dimissioni: Esempi, Modelli e Guide Gratis

Ecco un piccolo elenco degli Articoli che abbiamo già scritto sulla Lettera di Dimissioni: come compilarla, template da personalizzare, modelli, esempi e guide.

Dimissioni Volontarie: perché si scelgono?

Il fenomeno delle dimissioni volontarie di massa, cosiddette ‘grandi dimissioni2 non è solo italiano, nasce e si sviluppa negli USA e nasce spontaneo come effetto del burnout 3, ovvero l’esaurimento nervoso da stress lavorativo. Molti scelgono una vita più semplice, un lavoro più leggero e più vicino a casa per stare a contatto con i figli e la famiglia, anche se si guadagna di meno. Oppure si sceglie un lavoro da remoto.

In mezzo alla pandemia, molti dipendenti sono rimasti fermi anche se non soddisfatti, come dimostrano le 6 milioni di dimissioni in meno nel 2020 rispetto al 2019.

Nel 2021 abbiamo visto invece un esodo di massa di dipendenti alla ricerca di nuove opportunità di lavoro. Le dimissioni sono salite al massimo storico di 10,1 milioni alla fine di giugno , con 19 milioni di lavoratori che hanno lasciato il lavoro tra marzo 2021 e luglio 2021 (un surplus di 7 milioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).

Indagando sul motivo per cui coloro che hanno cambiato lavoro hanno lasciato i loro ruoli precedenti e cosa li ha attratti verso quelli nuovi. Sono stati intervistati da Limeade 4 oltre 1.000 dipendenti a tempo pieno in aziende con 500 o più dipendenti, su burnout, benessere e cura organizzativa.

Si è scoperto che la stragrande maggioranza dei dipendenti ha lasciato i lavori precedenti sentendosi esausta e sottovalutata e ha cercato nuove posizioni presso organizzazioni che investono nel loro benessere. Per evitare un ulteriore turnover e interruzioni dell’attività, i datori di lavoro devono apportare alcune serie modifiche al modo in cui supportano e si prendono cura dei propri dipendenti.

Le Cause delle Dimissioni

  • Il 40% dei dipendenti ha citato il burnout come motivo principale per lasciare. I dipendenti erano così insoddisfatti della loro situazione che più di un quarto di tutti gli intervistati ha lasciato il lavoro senza un altro lavoro in fila.
  • I dipendenti sono stati principalmente attratti dal loro attuale lavoro in base alla capacità di lavorare da remoto e ad altre forme di flessibilità. Un ulteriore 24% ha riferito di non essere limitato a completare le responsabilità lavorative durante l’orario di lavoro stabilito come una delle principali attrazioni.
  • Chi cambia lavoro è generalmente contento di essere passato a un nuovo ruolo. In media, gli intervistati hanno riportato un aumento del 22% nel sentirsi curati come individui dal loro nuovo datore di lavoro e un miglioramento del 22% nel comfort per quanto riguarda la divulgazione di una condizione di salute mentale rispetto a come si sentivano al loro precedente datore di lavoro.

Fonti citate nell’articolo

  1. Sole 24 Ore
  2. Il Fatto Quotidiano
  3. Sindrome del Burnout
  4. The Great Resignation

→ Vuoi di più? Iscriviti al Canale Telegram di Posizioni Aperte!

Non devi avere le Skills di un'Astronauta per trovare lavoro: Iscriviti al nostro Canale Telegram per essere informato sulle Offerte di Lavoro e i Concorsi Pubblici. #YEAH

ASL di Genova - concorso per 2 Dirigenti Medici

ASL di Genova: Concorso per 2 Dirigenti Medici

L'Azienda Socio Sanitaria Ligure 3 di Genova ha indetto un Concorso Pubblico per la ricerca di 2 Figure Professionali come Dirigente Medico in disciplina...